Il Natale si avvicina a grandi passi..mi sembra ieri che è iniziato il mese e invece tra una settimana ci siamo! Ho fatto l’albero sabato scorso e non ho ancora comprato nessun regalo. Tipico di me: ritardataria cronica da sempre. Mi riprometto sempre di iniziare a novembre a pensare ai regali, ma poi mi perdo. In più c’è da dire che da qualche tempo a questa parte mi sembra di essere sempre di corsa e di non riuscire mai a finire di fare qualcosa. Eppure faccio molto: in casa, pulisco, metto in ordine, faccio lavatrici, piego panni, faccio dolci..se cè il sole, via di corsa fuori ad approfittarne, che se poi piove..pensa al pranzo, pensa alla cena, fai la spesa, avvantaggiati…ma è proprio vero che per le mamme ci vorrebbero giornate da 48 ore!!!E meno male a pranzo cucina il Marito!!!

Comunque, in un momento di riflessione, il primo buon proposito per il prossimo anno, sarà proprio quello di dedicare a me stessa e alla mia passione e di conseguenza al blog, un giorno alla settimana, qualche ora per poter sperimentare, giocare con farine e zucchero, provare, assaggiare, studiare.

In verità c’è da dire che nell’ultimo mese non sono stata con le mani in mano, ma ho realizzato quasi due volte a settimane quintali di frolla in forma di crostate e biscotti, le prime per me e il Marito e i biscotti per il piccolo ( e per la mamma). In più mi son cimentata in cookies all’americana (ricetta prossimamente) e qualche ricetta salata.

Ma ora il Natale si avvicina e la tradizione di famiglia, tramandata da madre a figlie, vuole che come regalo a parenti e amici vengano offerti rigorosamente biscotti homemade. Mia madre preparava i suoi ottimi Befanini (trovate la ricetta qua).
Quest’anno, sarà il primo senza di lei, il secondo senza mio padre, e io e mia sorella abbiamo deciso di unire le forze e preparare insieme i nostri doni.
Oltre ai Befanini, vorremmo proporre anche altri biscottini adatti per la colazione o la merenda ( ma in verità io me li mangio a tutte le ore…dopo pranzo con il caffè e come confort food prima della nanna!)

2016-12-17-00-58-51-02

Qui di seguito le ricette delle frolle che ho realizzato per i miei frollini bicolori.

Pasta frolla nature:
150 g. di farina multicereali (segale, avena,riso, orzo)
50 g. di farina di farro biologica monococco
50 g. di farina bianca 00 biologica
100 g. di burro pomata
70 g. di zucchero di canna
1 uovo
10 g. di lievito per dolci

Potete aggiungere aromi quali scorze di arancia e/o limone bio (non trattate), vaniglia

I miei frollini sono poco zuccherosi, perché li faccio mangiare al mio bimbo, quindi se preferite un biscotto più dolce aggiungete altri 20/30 grammi di zucchero (quello di canna dolcifica molto meno di quello bianco, scegliete quello che preferite)

Pasta frolla al cacao:
150 g. di farina multicereali
50 g. di farina di farro
25 g. di farina bianca 00
25 g. di cacao amaro in polvere
100 g. di burro pomata
80 g. di zucchero di canna
1 uovo
10 g. di lievito per dolci

In questa variante ho messo più zucchero, ma il sapore prevalente resta il cacao, quindi come sopra, se preferite che vengano più dolci, aggiungete anche in questo caso 20/30 grammi in più di zucchero

In una parte della frolla al cacao ho aggiunto riso soffiato, variante molto buona, idea rubata a frollini che si trovano in commercio, ma voglio affinare la ricetta e poi ve la propongo.

Ho usato la planetaria per impastare, in quanto l’impasto viene molto più elastico e quindi ha una resa migliore. Il procedimento comunque è simile: farine, zucchero, lievito, burro. Lavorare gli ingredienti fino ad avere un impasto sabbioso e poi aggiungete l’uovo. Impastate fino ad avere un composto omogeneo.
Lasciate riposare una mezz’ora in frigo.

Per chi usa la planetaria: se l’impasto avesse difficoltà a compattarsi potete aggiungere un po’ di latte, giusto un cucchiaio.

Per fare le girelle e i biscotti a scacchi ci sono due metodi:
– usare l’albume come collante e vengono perfetti
– usare acqua o latte, ma tendono a staccarsi

La prima volta che ho fatto i biscotti bicolore ero a Parigi e per essere la prima volta mi vennero davvero buoni
img-20140919-wa0003
Purtroppo durarono molto molto poco, perché il Marito accese il forno per scaldare il pane e i biscotti erano dentro..e si son carbonizzati!!!

A questo giro ho provato con l’acqua, ma i vari quadratini tendono a staccarsi.

20161217_001944

Comunque il procedimento è facile, ci vuole pazienza e precisione (ed eventualmente un righello): spianate la pasta bianca e realizzate un rettangolo di circa un cm di spessore, fate lo stesso con la frolla al cacao, spennellate e attaccate insieme, passando dolcemente il matterello sopra. Mettete il tutto nel cellophane e lasciate riposare in frigo per una mezz’oretta.
Passato questo tempo, ritirate fuori il tutto e tagliate la tavoletta ottenuta a strisce, avrete quindi delle barrette bicolori. A questo punto tirate fuori il bricoleur (colui che fa il “fai da te”) che è in voi e componete.
A primo impatto sembra un lavoro da matti, ma in realtà una volta tagliate le strisce bicolori basta attaccarle fra loro, alternandole nel primo strato; e invertendole nel secondo.
Una volta messi insieme tutti i pezzi, rimettete tutto nella pellicola alimentare e lasciate

raffreddare in frigo per un’altra mezz’oretta. In questo modo sarà più facile tagliare la frolla, senza che i colori si mescolino. Per le girelle, stesso procedimento, anzi più facile, accorpate due frolle e schiacciate con il matterello, arrotolate, cellophane, frigo e via!

Questo il risultato prima della cottura

20161217_002200

Per quanto riguarda la cottura, forno a 180 gradi per circa 10/15 minuti: dipende da quanto farete alti i biscotti e, come sempre, dal vostro forno. Per verificare la cottura dei biscotti al cacao vi consiglio di metterli misti sulla placca da forno, così sarete sicuri della cottura.

Ecco qua il mio mix di biscotti

2016-12-17-01-04-58-01

A presto!
Loulou

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo con i vostri amici!!!

Se volete lasciarmi un commento, ne sarò felice!!!