Ok..sono d’accordo con voi..sono in ritardo di un paio di settimane per la ricetta dei Befanini..ma chi vieta di mangiare questi deliziosi biscotti anche dopo la Befana???
Almeno fino alla fine del mese, i befanini restano un dolce di attualità, tant’è che possiamo ancora trovarli nelle pasticcerie. E allora perché non li produciamo a casa con le nostre abili manine? e magari (per chi ha figli dai 4/5 anni in su) condividere con i piccoli di casa questo momento come se fosse un gioco?

Certo ormai il Natale, le vacanze scolastiche, la Befana..sono andate. Ma ho voglia di raccontarvi perché per me sono sempre state un momento magico. Un momento che iniziava il primo dicembre con il calendario dell’Avvento, un cioccolatino al giorno..fino al 24..ah che splendidi ricordi! Il cioccolatino poi veniva diviso in tre, per me, babbo e mamma. Quando è arrivata mia sorella..in quattro! perché quello che mi hanno insegnato i miei genitori è che il Natale è la festa della condivisione, della famiglia, dell’Amore.E per me lo è ancora oggi!
L’albero si faceva per Santa Lucia, il 13 dicembre..e si sfaceva la sera del 6 gennaio..mentre si guardavano le estrazioni della Lotteria Italia..sperando di vincere qualche soldino.
La lettera a Babbo Natale partiva i primi di dicembre e una volta, Babbo Natale mi ha persino risposto..con tanto di francobollo finlandese. Ragazzi che storia! ancora oggi mi chiedo dove il mio adorato padre avesse trovato quel francobollo..
E poi, c’era il pomeriggio dedicato alla preparazione dei Befanini, con mamma a impastare una tonnellata di frolla, o almeno così sembrava a me. Mamma la preparava, poi andava lasciata riposare e poi..via a stenderla!!! nei miei ricordi ci sono un grembiulino della mia taglia, uguale a quello di mamma e un mattarello piccolino (che ho ancora oggi!!). Non so quanti anni avessi..forse meno di nove..perché non credo che mia sorella fosse ancora nata.
Che emozione! stendere la pasta, scegliere le formine e incastrarle una con l’altra per riuscire a non sprecare nemmeno un angolino..la befana, la stella cadente, il gatto, la luna..e poi tante altre..
Tra l’altro, così come dopo un viaggio portiamo una calamita, quando si trovano nuove formine non possiamo (io, mamma e sorella) resistere dall’acquistarle, così adesso la collezione è immensa!!!
Comunque, a me poi spettava la spennellatura con l’uovo e spolverare di chicchi colorati ogni biscottino.
Ricordo bene che il profumo si diffondeva in tutta la casa e la sera, nauseati da tanto odore dolce e da tutti gli assaggi fatti, non riuscivamo nemmeno a mangiare!
Perché vi racconto questo..beh…perché sono nostalgica, perché adesso sono mamma e spero di riuscire a regalare la stessa magia al mio piccino negli anni a venire. Ma questa è un’altra storia!
Adesso veniamo a noi e alla ricetta:

500 g. di farina
170 g. di burro
280 g. di zucchero semolato
15 g. di zucchero a velo
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
sale q.b.
scorze di arancia/limone
anice (per chi lo gradisce)
1 uovo per spennellare
Chicchi di zucchero colorati

Il procedimento è molto facile, in pratica è una frolla, quindi per prima cosa dovete pesare il burro e lasciarlo ammorbidire a temperatura ambiente.
Nel frattempo pesate farina, zucchero e lievito e grattugiate le scorze di arancia e limone. PhotoGrid_1452702504887
Se vi piace, potete aggiungere l’anice in semi per dare ai befanini quel loro tipico odore. A me piace molto, ma a mio marito non piace e quindi non lo metto.
Quando il burro è morbido, lo unite agli ingredienti secchi e lo amalgamate un po’, come per fare un crumble. A questo punto rovesciate il tutto sulla spianatoia, aggiungete le uova e lavorate abbastanza energeticamente l’impasto fino ad ottenere una bella palla liscia e soda.
PhotoGrid_1452702675307
Lasciatela riposare una mezz’oretta e poi date inizio alle danze!!!
Per mio gusto personale, io stendo la pasta lasciandola abbastanza alta (5/6 mm)..per me il befanino deve essere dorato e ben cotto, ma soffice..ma niente toglie che la stendiate più fine, se preferite un biscotto più croccante.
Quando avrete steso la pasta e ricavato i vostri biscotti, munitevi di pennello e spennellateli con l’uovo, dopodiché aggiungete i chicchi colorati.
PhotoGrid_1452704403407
E via in forno preriscaldato a 200 gradi, per circa 10 minuti. Appena vedete che sono ben dorati sia sopra che sotto, toglieteli!! i biscotti fanno molto molto presto a bruciarsi.

Ed ecco qua il risultato!
PhotoGrid_1452705543957