Bentornata Loulou!
Me lo dico da sola, sì, perché la vita negli ultimi mesi ha cercato di mettermi KO, togliendomi anche la mia dolce mamma. A maggio, se n’è volata in cielo accanto al mio adorato babbo, raggiungendolo dopo solo 18 mesi: ma si sa, i grandi Amori non scendono a compromessi e loro non potevano più aspettare di ricongiungersi.
Come ben capirete, la mia vita e quella di mia sorella, e quella delle nostre famiglie ha subìto un notevole colpo e abbiamo dovuto rimboccarci le maniche fin sopra le spalle, occuparci delle pratiche burocratiche, far fronte al dolore della perdita (che apparentemente in Italia può tranquillamente passare in secondo piano perché la burocrazia ti mangia) e risistemare un po’ di cose.
Diciamo che abbiamo anche dovuto provare a resettare il cervello.
Fortunatamente in questo delicato compito ho validi aiutanti: il mio principino Theo, la mia dolce metà e il peloso più simpatico e bello del mondo; mia sorella e le sue adorabili pesti; più un parterre di personaggi, amici, parenti e mamme uniche che ci aiutano tutt’ora a risollevare i morali nei momenti tristi.
Ho ritrovato da poco tempo la gioia di preparare dolci e dolcetti e biscotti, la prima volta per il mio nipotino Gabriele e i suoi due anni.
Ho proseguito in occasione del primo compleanno del mio giovanotto, per il quale mi son proprio lanciata e ho organizzato una festa in grande stile. Come direbbe mia sorella, ho rasentato l’organizzazione del matrimonio.
Ma nel mettermi a creare sento quell’energia positiva che mi serve per andare avanti e gioire, e quale migliore occasione se non per la mia creatura?
Comunque, qualcosa è andato storto e per colpa di ansia da prestazione alle 16h15 del pomeriggio (dove la festa era prevista a partire dalle 16h30) mi son ritrovata a piangere in cucina sul cheesecake a piani che avevo realizzato nella mia testa, ma che non stava in piedi nella realtà.
E oltretutto, a parer mio, faceva pure schifo di gusto. Una tragedia su tutta la linea.
Con il supporto di mio marito che ha ovviato al problema “coulis” comprandomi la marmellata di fichi e con mia sorella al telefono che mi rassicurava, lo show è andato avanti.
Alla fine la festa è andata bene, e il dolce era buono, ma non era come lo avevo immaginato io.

Ne ho rifatti altri di cheesecakes, quest’estate, e come sempre rimescolo gli ingredienti e faccio tentativi. Ma devo dire che ho imbroccato una piacevole formula ed è proprio di questa ricetta che vi parlerò in questo post.
Soprattutto vedrete che ho avuto la mia rivalsa!e che l’ansia da prestazione gioca brutti scherzi!

making

Per la base:
180 g. biscotti ai cereali Misura (metto la marca perchè ne sono ghiotta e danno al dolce un sapore troppo buono)
70/80 g. di burro fuso a bagnomaria

Per la crema:
2 confezioni di yogurt bianco (io ho usato il Fage Total 2%)
160 g. di Philadelphia
80 g. di zucchero a velo
2 fogli di gelatina

PhotoGrid_1472772639334

Nelle varie occasioni in cui ho portato questo cheesecake a casa di amici ho variato il coulis che faceva da decorazione. Vi metto due variabili più una terza.

Coulis n.1
Il classico: ai frutti rossi
Lamponi, more, fragole (io sono andata a occhio, ma metto sempre lamponi in quantità industriale)
Ho provato anche mettendo mirtilli, ma è risultata più amarognola..
Lasciatene qualcuno per fare un decoro e il resto in un pentolino, con due cucchiai d’acqua e 60 g. di zucchero (io ho usato lo zucchero di canna, perché avevo solo quello in casa).
Portare a ebollizione e aggiungere il succo di mezzo limone.
Non metto la gelatina perché mi sa di plasticoso.
Pronto. Basta lasciarlo raffreddare e poi si può spalmare sulla torta.

coulis
Coulis n.2
Ci hanno regalato una cassetta di fichi…gnam gnam..quindi stesso procedimento ma cambia il frutto.

Opzione n.3
Optate per una marmellata di ottima qualità!che sia ai lamponi, ai frutti rossi, all’albicocca..come più vi piace..
Nelle foto che vedrete, io ho usato una buonissima marmellata Sapori e Dintorni Conad ai fichi. Deliziosa!!!

Il procedimento per realizzare la torta è facile.
Prima di tutto riducete in polvere i biscotti e mettete il burro a fondere. Nel frattempo preparate le teglie (mi raccomando a cerniera o sennò gli anelli da pasticcere senza il fondo), per far aderire meglio la carta da forno, mettete un po’ di burro sui bordi e sul fondo e bagnate la carta da forno, strizzatela e sarà decisamente più facile sistemarla.
Incorporate il burro ai biscotti e amalgamate bene e infine procedete nella realizzazione della base della torta, e mettete in frigo a raffreddare.
Prendete la philadelphia, lo yogurt, lo zucchero a velo e mescolate tutto con la frusta a mano o con la frusta della planetaria. Quando è bella cremosa, che non presenta grumi, è pronta.
In una ciotola riempita con acqua fredda, mettete la gelatina per circa 10 minuti. Nel frattempo in un pentolino, mettete a scaldare un po’ di latte dove andrete a immergere la gelatina.
Quando è ben sciolta versate piano piano sulla crema fino a che non si è ben amalgamata al composto.
A questo punto, riprendete la base dal frigo e versateci sopra la crema. Rimettete in frigo.
Fatto.
Deve restare in frigo minimo 4 ore e poi potrete servirla.

Ecco a voi il mio primo cheesecake a piani!!!perfettamente stabile e ben riuscito!

cheese blog 3

cheese blog

Queste sono le prime vere foto che realizzo con la reflex..che ne pensate?

cheese blog 2

E con gli ingredienti avanzati, cheesecake all’incontrario!

cheese blog 4

A prestissimo!!!

Loulou