20160930_090439-01

“Ieri, 29 settembre, era il mio compleanno.”

Le ultime parole famose!!L’impegno e la buona volontà di scrivere il post in tempo c’era..ma poi come si dice, fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Nel mio caso, un mare fatto di raffreddori, tosse, fazzoletti ovunque, congiuntiviti..rimbalzati da figlio a mamma e viceversa!!!Tant’è che questo post dedicato alla Fluffosa, iniziato due settimane fa, forse vedrà la luce oggi..dopo un mese e un altro raffreddore in corso.

Ma torniamo a noi e alla famosa Fluffosa. Questa ricetta mi è caduta tra le mani a inizio primavera, ho fatto i tripli salti mortali per trovare la teglia adatta e poi..nulla..ho avuto altro a cui pensare…e quindi era rimasta una ricetta nel cassetto e la teglia ancora avvolta nel suo sacchetto di cellophane. Poi qualche giorno prima del mio compleanno mi sono detta che poteva essere l’occasione giusta per provare a farla, per festeggiarmi.

Mi sono letta e riletta gli ingredienti, li ho comprati e poi un pomeriggio ho sperimentato.
Ho seguito la ricetta alla lettera, unico cambiamento il cremor tartaro al posto del lievito, e unica mancanza, non ho potuto mettere le scorze d’arancia perché ancora non si trovano quelle non trattate.
Per il resto, la ricetta originale la trovate qui nel blog di Monica Zacchia, colei che ha reso famose le Fluffose e di cui ha realizzato anche un libro. A volte girovagando nel web si apre un mondo, un universo che nemmeno pensavamo esistesse e devo dire che ci sono blogger fantastiche e i loro blog sono bellissimi e interessantissimi; IFood è una pagina che li raccoglie e accomuna. Inutile dire quanto mi piacerebbe un giorno farne parte, ma la strada è lunga..

Ecco la ricetta:

Ingredienti
300 g di zucchero
285 g di farina 00
7 uova bio
210 g di spremuta di arancia
scorza dell’arancia non trattata
120 g di olio di semi
1 bustina di lievito per dolci (io lievito bio)
1 cucchiaino di sale
1 baccello di vaniglia (o estratto naturale)

per lo sciroppo all’arancia (guarnizione)
3 cucchiai di zucchero semolato
la spremuta di un’arancia filtrata
200 ml di acqua

20160930_090447-01

Il procedimento è facile, per prima cosa si devono separare i tuorli dagli albumi. E li mettete da parte,io ho messo gli albumi direttamente nella ciotola della planetaria.
In una ciotola a parte setacciate farina, zucchero, sale e lievito, fate un buco nel mezzo e aggiungete tutti i liquidi in questo ordine: olio, tuorli, spremuta, scorza (se ce la mettete), semi della bacca di vaniglia e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Nel frattempo montate a neve ferma gli albumi con 3 gocce di limone e incorporateli come ultimo ingrediente al composto.

Versate il tutto nello stampo senza ungerlo né infarinarlo. Si, avete letto bene: anche io sono rimasta perplessa!poi vi dico..
Se usate uno stampo tradizionale invece sì.
Infornate e cuocete a 165° per 55 minuti e poi a 175° per 10 minuti.
Purtroppo non tutti i forni sono uguali e cuociono uguale, quindi valutate e verificate sempre.
Quando è pronto, va fatto freddare nello stampo capovolto (se è proprio quello da chiffon cake)
e dovrebbe poi staccarsi da sé..a me in verità non si è staccato!!ahahahaha…quindi ho un po’ faticato a toglierlo, immagino di aver sbagliato qualcosa ma riproverò!

Per guarnirlo vengono suggeriti due modi:
– spolverizzare con zucchero a velo
– sciroppo all’arancia da spennellare sul dolce

Per realizzare lo sciroppo, si scaldano in un pentolino tutti gli ingredienti sopra riportati, cuocendoli a fuoco basso. Quando è pronto, va spennellato sulla torta appena sfornata fino a ultimarlo, e dovrebbe assorbirlo tutto. A me si è imbevuta solo mezza torta (motivo per cui immagino di aver sbagliato qualcosa). Riproverò.

Devo essere onesta e dire che è un buonissimo dolce, ma non mi ha entusiasmata. Anzi, data l’aspettativa, sono rimasta un po’ delusa. Probabilmente ho sbagliato qualche passaggio, e sicuramente proverò altre varianti, ma per ora il risultato è questo. Resta da dire, che non è durata molto!!!e anche il marito ha apprezzato!

Provate e fatemi sapere magari commentando proprio sotto il post! 😉

20160930_090808-01